Da molto tempo aspettavo con ansia
il piacere di vedervi,
oggi siete venuti a trovarmi,
sono felice.
Non ho niente da mostrarvi,
voi da lassù vedete tutto,
voglio solo ringraziarvi per la
sensibilità che mi avete donato.
Oggi, cara mamma mi vuoi fare la
pasta in casa come una volta?
Ho comprato la farina, desidero
un forno di pane come solo tu lo sai fare.
Sono certo di essere accontentato …
Caro papà mi insegni il nuovo sistema di potare le viti?
Mi porti in cantina a farmi vedere
il metodo di conservazione della coda di volpe?
Sono certo di essere accontentato…
Stare un’altra volta intorno allo
stesso tavolo con voi non ha prezzo.
La mamma ha fatto il pane,
ha preparato le tagliatelle ed il sugo con le salsicce.
Tu, papà, mi hai confidato dei segreti,
poi hai iniziato una damigiana di vino e il capocollo,
conservato proprio per quest’incontro.
Abbiamo parlato di tante cose,
ora mi proteggete da lassù,
i vostri volti si illuminano di gioia,
ho capito che la morte non divide …
c’è sempre un filo che unisce.
Sta facendo notte, è giunto il momento di andare via,
resto da solo con il ricordo della vostra compagnia.
Un giorno sarete voi ad ospitarmi,
fatemi trovare i vostri valori,
dai quali non desidero separarmi mai.
Ciao mamma, ciao papà.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: I contenuti di questo sito sono protetti!!!